chirurgia orale

Vengono eseguite :
1. estrazioni dei denti non più recuperabili o inclusi nell'osso(denti del giudizio, canini ed altri),
2. rimozioni di lesioni orali e cisti,
3. apicectomie (o chirurgia endodontica, quando non è più possibile curare una lesione apicale – granuloma - con un tradizionale trattamento canalare),
4. asportazione di neoformazioni dei tessuti duri e molli,
5. rialzi del seno mascellare,
6. incrementi di cresta. 
Viene inoltre praticata la chirurgia rigenerativa per ricostruire l'osso andato perduto intorno alle radici dei denti, eliminando le tasche parodontali, o per poter inserire gli impianti. Per questo scopo, secondo le condizioni anatomiche e cliniche, vengono utilizzate membrane riassorbibili e non, osso sintetico oppure, in alternativa, osso autologo prelevato dalla bocca del paziente stesso.
La maggior parte degli interventi chirurgici sono effettuati utilizzando la tecnologia piezoelettrica: grazie ad oscillazioni ultrasoniche tridimensionali controllate, il chirurgo lavora con una maggiore precisione e sensibilità, offrendo un maggiore comfort soprattutto nel decorso postoperatorio.